Gli ironici rigurgiti di una scrittrice con la Sma

Dopo il grande successo del post su Andrea Bes, torno a parlare di storie di SMA atrofia muscolare spinale, proponendo un altro approfondimento tratto da La stampella di Cenerentola.

Vi ho già parlato di Tania Bocchino,scrittrice e giornalista dallo stile davvero spiazzante, molto aggressivo ed ironico. 

Da qualche tempo ha creato un blog, che si differenzia da molte dalle altre pubblicazioni on line curate da persone con disabilità, anche soltanto per il titolo : Rigurgiti – nella vita tutto torna, lo spazio di Tanya, Tanitilla per gli amici, è dissacratorio, sfrontato e davvero godibile. 

“La mia scelta di dar libero sfogo al reflusso verbale, e di farlo con una vena di comicità e di leggerezza, risponde a quell’ esigenza  di onestà e di schiettezza che ho sempre avvertito prioritaria fin dall’infanzia” spiega Tanya, che ritiene importante far sentire la propria voce anche quando risulta scomodo, difficile da digerire, nella nostra società ancora troppo legata a ciò che si può dire anziché a ciò che si deve dire. La scrittrice è spassosa anche nel parlare della sua vita.

 

Nasco a Ivrea da mamma canavesana e papà monferrino.  Terminati gli studi in Scienze Biologiche mi iscrivo a Beni Culturali dove do sei esami e poi fuggo verso il mondo del lavoro. Dapprima tento la strada dei lavori saltuari per poter continuare gli studi, ma poco dopo vado a vivere da sola e per pagare l’affitto e le altre spese decido di concentrarmi a tempo pieno sull’attività lavorativa. I primi due mesi accetto un impiego part time da un’azienda torinese e per riportare il conto bancario sopra lo zero inizio un lavoro serale d’intrattenimento su una chat internazionale. Nel frattempo dal capoluogo piemontese mi trasferisco in campagna, in un borgo dove sulla piccola piazza s’affaccia un vecchio orinatoio in cemento e dove in estate gruppi di anziani si radunano per discorrere delle stagioni che non sono più le stesse e delle difficoltà, più o meno dettagliate, di evacuazione.

Do l’avvio a una collaborazione con un noto magazine femminile e approfondisco la mia passione per la scrittura. Comprendo che mi piace far ridere e decido allora di unire le due vocazioni nel blog Rigurgiti.

Dimenticavo, alla nascita ho ricevuto in eredità una malattia genetica conosciuta come SMA (per i non addetti ai lavori che potrebbero confondersi con una nota catena di supermercati, il nome completo è Atrofia Muscolare Spinale). In ogni caso, ve ne parlerò più avanti, nel corso dei deliri che danno vita ai miei scritti.

Non mi resta che invitarvi a cliccare qui e visitare il blog. Non ve ne pentirete!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *