Gino Bartali anche nelle Avventure semiserie delle mie gambe

Quanta strada nei miei sandali…quanta ne avrà fatta Bartali é il titolo di un capitolo del mio libro

9

Paolo Conte mi scuserà per aver citato la sua bella canzone per parlare di biciclette, anche se io con Bartali non c’entro proprio niente. Mia madre  mi racconta sempre che quando ero piccolissima avevo imparato a tifare per il famoso Gimondi.

No, care gambe, Gimondi il ciclista, non il protagonista della filastrocca
“Arriva Gimondi con gli occhi rotondi, la testa quadrata e la bici scassata”.
I mei genitori tifavano per lui e io conobbi così uno dei primi nomi di sportivi della mia vita, particolare che non significò per me un futuro
da atleta. Proprio per niente. Non sono mai stata una ciclista appassionata, ma… Sorpresa! Pedalare da bambina mi piaceva! In casa giravo
con una biciclettina che adoravo, ed ebbi un’infatuazione momentanea per la velocità quando mio padre mi insegnò ad andare senza rotelle.
Una brutta caduta mi fece rinsavire, non sono più riuscita ad andare forte, ma fino ai dieci anni continuai a usare la bici per divertimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *