Quando una bambina incontra una ragazza con l’alopecia

Documenti di questo tipo fanno trepidare il mio animo di attivista per la diffusione della conoscenza di ogni tipo di disabilità!

Vagando tra le proposte dì YouTube, giorni fa mi sono imbattuta nei video in lingua inglese dell’agenzia pubblicitaria HiHo.
Protagonisti sono bambini e bambine di varie età, che si trovano a conversare con persone dalle caratteristiche più disparate, che hanno disabilità evidenti o svolgono professioni particolari.

Nel video che vi propongo la piccola Lexi rivolge alcune domande a Lennox, la ragazza senza capelli seduta a fianco a lei. Tra le due nasce così una conversazione. Lennox chiede alla bambina se abbia mai visto una persona calva o comunque senza capelli.  La piccola risponde di sì. Le è successo al cinema, in questo momento con lei e anche in televisione in documentari in cui si parlava di persone con il cancro e le chiede appunto se anche lei non sia per caso malata di cancro.  La giovane risponde di non avere il cancro, ma una malattia chiamata alopecia e quindi spiega alla piccola che cosa sia e cosa comporti per il suo fisico. Leggi tutto

I “voli” mozzafiato di Alan Silva

Ormai per me è una regola 🙂 Preparo con cura gli argomenti sui quali improntare i miei post e poi l’occhio mi cade su qualche video o notizia che mi conquista e cambio tutto all’istante! È successo così anche per queste immagini tratte da America’s Got Talent.

L’acrobata brasiliano Alan Silva, affetto da nanismo si esibisce con i tessuti aerei anche come risposta ai bulli, che l’avevano preso di mira per la sua altezza.

Non voglio fare dell’inspiration porn, i fantastici voli poetici e mozzafiato di Alan non devono ispirare nessuno, sono semplicemente bellissimi! Leggi tutto

Sam e Jason genitori ciechi con quattro figli – una storia emozionante

Monk il lunare detective che ha portato sugli schermi televisivi la vita di chi soffre di disturbi ossessivo-compulsivi


I lettori del mio blog penseranno che io stia diventando monotematica. Ho scritto da poco un post sul modo in cui viene trattata la disabilità nelle serie tv ed oggi torno a parlare delle proposte televisive di Amazon prime.

Dovete perdonarmi, ma devo recuperare il tempo perduto. Nonostante l’offerta di cinema e serie, che tocchino in qualche modo il tema dell’handicap non sia molto vasta, è bene che io cominci a parlare di quel poco di interessante già realizzato fino ad oggi!

Restando sul tema del disagio psicologico già toccato da Gli Stati Uniti di Tara, vi parlerò de Il detective Monk. Si tratta di una serie televisiva statunitense di genere poliziesco creata da Andy Breckmann, trasmessa tra il 2002 e il 2009 dalla rete via cavo USA Network e in Italia visibile su Amazon prime. Leggi tutto

Stefano e la sua passione radiofonica tra musica e giornalismo

“Gli Stati Uniti di Tara” la spiazzante serie Tv sui disturbi della personalità

Valentina Tomirotti su Tv8 a parlare di accessibilità

A proposito di grandi figure di attiviste per i diritti dei disabili, credo che il mio blog non sia puntuale come dovrebbe nel seguire e riportare la loro attività. Oggi cercherò in parte di rimediare, raccontandovi di Valentina Tomirotti.

La grande blogger, nota anche come Pepitosa, è stata ospite di Adriana Volpe ad Ogni mattina ed ha parlato con disinvoltura delle difficoltà di affrontare dei viaggi per chi ha delle disabilità e della sua attività di realizzazione di guide turistiche sull’accessibilità delle località che visita con la sua preziosissima auto! Leggi tutto

“Sidecar” e la sclerosi multipla – un nuovo corto di Shift Ms

Era davvero tanto tempo che non mi occupavo della patologia di cui soffro, la cara convivente Sclerosi Multipla. Oggi torno a farlo attraverso il breve film Sidecar, realizzato per la piattaforma inglese Shift – MS.

Il corto, molto ben fatto ed efficace, racconta di un ex pilota motociclistico, cui è stata diagnosticata una sclerosi multipla di tipo progressivo.

Sidecar affronta la paura del futuro di un malato di SMP, che non riesce a prevedere quale effetto avrà la progressione della malattia sulla qualità della sua vita.
Spesso amici, familiari e conoscenti hanno timore di parlare delle prospettive di peggioramento dei malati di sclerosi progressiva. Leggi tutto