Alla scoperta del profumo e del sapore dei colori con un gruppo di asinelli…

La zoologia ci insegna che l’asino, tra gli altri erbivori, presenta la più sensibile ed accurata percezione di odori e gusti. La sua vista invece, per quanto spiccata al buio, non gli permette di a distinguere i colori come il rosso dal blu o il verde dal grigio.

Questi docili animali possono dunque, in qualche modo, essere ritenuti un’icona per le persone  ipo-vedenti. Anche loro infatti, dei paesaggi montani apprezzano più i profumi della natura che le vedute circostanti. Da qui l’idea dell’associazione NoisyVision di organizzare, il 28 Marzo 2019, un’escursione a piedi di 70 chilometri da percorrere lungo la Via di transumanza dalla campagna pisana, attraverso le colline fino ad arrivare al mare.

Un gruppo composto da sedici disabili visivi, una guida alpina, un addestratore di animali, l’organizzatore dell’associazione e due dolci asinelle, Pippa e Lulù, si è così lanciato in un’avventura che i suoi promotori definiscono: «Un viaggio fantastico, al ritmo lento dei compagni asini, un percorso di scoperta della natura attraverso i sensi, dove la vista perderà importanza, per lasciare spazio a un sentire più profondo, proprio grazie alla presenza di persone con disabilità visive».

Per l’occasione uomini ed animali si sono adornati di giallo, il colore che, nello spettro visivo degli ipovedenti, continua ad essere visibile quando gli altri si confondono. Da qui il nome dell’evento “Anche agli asini piace giallo” che fa parte del ciclo di iniziative che NoisyVision organizza per sensibilizzare le istituzioni ed invitare a rendere accessibili città e servizi anche alle persone ipovedenti.

Ci auguriamo dunque che quest’esperienza sinestetica abbia aiutato ad abbattere un altro piccolo mattone nel muro che tiene, ancora oggi, i disabili visivi non completamente conosciuta  e compresa.

 Fonte: Superando.it

https://www.superando.it/2019/03/28/insieme-a-due-asinelle-per-scoprire-la-natura-attraverso-i-sensi/

                                    Cassandra Ceccopieri 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *