Altro che barriere architettoniche . La stampella di Cenerentola è congelata. Facciamola rinascere come un fiore di campo

La stampella di Cenerentola, il mio amato blog de La Stampa è ancora bloccato. Nessuno si preoccupa di darmi spiegazioni. Inutile spiegare come le mie entrate ne abbiano bruscamente risentito. Ho bussato a molte  porte, ma non è servito a nulla. Sto meditando sul da farsi, ma per ora voglio rilanciare il mio altrettanto amato blog Sclerotica, su cui riproporró periodicamente i miei post de La stampella di Cenerentola. Questo potrebbe diventare una mia personale piattaforma, autofinanziata, senza legami con nessun quotidiano. Lavorandoci con costanza, ci si può riuscire. Ora vi propongo uno degli ultimi post de La stampella.

Le difficoltà, le barriere, gli sbarramenti sono degli elementi che contraddistinguono la vita delle persone disabili. Già…mi sembra di leggere il commento degli immancabili haters “il quotidiano è difficile per tutti, non solo per voi!”. Oggi però ho scelto divolare alto e ritornare a parlare dipoesia. Raccontare le esperienze di chi vive l’handicap, vuol dire spessorivalutare l’importanza delle piccole cose, il minimalismo fatto di istanti. Vi ho parlato spesso di Alessandra Scagliola, la mia amica che soffre diagorafobia e gestisce l’interessane blogAlice in the phobiclandAbbiamo parlato spesso delle nostre barriere insormontabili, le mie fisiche, le sue psicologiche. Una sera stavo dando un’ultima occhiata a facebook, prima di andare a dormire, ero un po’ triste e demotivata, Ho controllato le notifiche ed ho visto che ero stata taggata in un post. Era Alessandra, che aveva trovato la forza di uscire e mi aveva inviato il bottino che era riuscita a trafugare per strada, la foto di una campanula, sbocciata sul pezzetto di terra tra il marciapiede e la grata di un tombino.“E poi c’è chi, di fronte alle difficoltà, si fa fiore” ha scritto come commento. Mi sono commossa e ho deciso di condividere con voi questa emozione.

p.s. L’immagine di apertura è di Roberto Porcella

3 comments
  1. Rivogliamo La stampella di Cenerentola!

  2. Mi dispiace sinceramente di questo arresto forzato e ti auguro di poter rifiorire come la primula! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *