La palla di cacca che ci seppellirà

Adoro gli scarabei. Non mi meraviglia che gli egizi li considerassero sacri. A dire il vero, io sono affascinata da tutti gli insetti e dai piccoli esseri, dalle loro proporzioni perfette, il susseguirsi dei colori, che sembra studiato da un pittore. Leggo che lo scarabeo stercorario, si nutre di feci, trasformandole in palline che trasporta nel suo nascondiglio, facendole rotolare orientadosi  con la luce emessa dalla via lattea. Possibile?

Lo scarabeo era considerato una  creatura  di Khepri, il dio del Sole nascente, che creava il Sole ogni giorno in modo simile a quello con cui lo scarabeo crea la pallottola di sterco.

Pensare al sole come una enorme palla di cacca, realizzate dagli scarafaggi mi fa pensare che gli egizi sotto una luce completamente diversa. Pensate se non li considerassimo più come un popolo misterioso, detentore di conoscenze  sovrumane, ma come delle persone dall’umorismo caustico e dissacratore come Tognazzi in Amici miei?  Seguendo questo ragionamento, possiamo considerare trash anche Kafka. 

Pare che lo scarafaggio de La metamorfosi era un enorme stercorario! 

L’uomo disumanizzato dalle convenzioni sociali diventerebbe un coprofago mangiatore di sterco! 

Credo sia meglio cercare di risollevarsi e cercare nuovi punti di riferimento, altrimenti nulla potrà salvarci dalle nuove disumanità che stanno prendendo piede e saremo sopraffatti da un’enorme palla di cacca!!! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *